10 Cose Che Il Tuo Corpo Ti Direbbe Se Tu Lo Stessi Ascoltando

corpo-1728x800_c-640x320Sei mai stato in una relazione con qualcuno che era in costante giudizio di te? O forse un amico che non ascolta mai davvero quello che stai dicendo ma piuttosto ti ignora? Non tanto divertente, no? Questo descrive il modo in cui molti di noi spesso funzionano nella relazione col nostro corpo. Il nostro corpo è sempre quì, ci contribuisce, si prende cura di noi, si assicura che noi si ottenga quello di cui abbiamo bisogno e molto spesso la nostra risposta è un giudizio di quanto è brutto e sbagliato ed una scelta di ignorarlo completamente.

Come sarebbe se potessi creare una relazione diversa col tuo corpo, una relazione di gentilezza, cura amorevole e comunione? Come sarebbe se iniziassi a fare delle domande al tuo corpo e davvero ascoltassi quello che ha da dire? E se realmente chiedessi al tuo corpo circa tutto quello che lo riguarda?

Quì sotto ci sono 10 cose che il tuo corpo ti direbbe se tu lo stessi ascoltando. Queste sono le chiavi per creare una relazione col tuo corpo che sia basata sulla gratitudine e la comunione, piuttosto che sul giudizio.

Ecco quello che il tuo corpo sta dicendo:

  1. Fà una cosa al giorno per coccolarmi, riconoscermi ed apprezzarmi.

Quanto riesci a prenderti cura amorevole, riconoscere ed apprezzare il tuo corpo? Saresti disposto ad includere il prenderti cura amorevole del tuo corpo ogni giorno? Toccare il tuo corpo è uno dei modi di comunicarci e di accudirlo. Quando ti svegli la mattina, per tre minuti, tocca delicatamente il tuo corpo. Tocca il tuo corpo come se appartenesse a qualcuno di cui ti importa.

  1. Smettila di giudicarmi.

Quando ti svegli la mattina, fai la scelta consapevole di smettere la litania di giudizio con la quale inizi ogni giornata. Piuttosto, ringrazia il tuo corpo e digli quanto sei grato per averlo.

  1. Sono stato creato per divertirmi.

E se l’unico scopo della vita fosse quello di divertirsi? Questo cambierebbe il modo nel quale fai le cose? È divertente per il tuo corpo venire toccato? Sentire il sole sulla sua pelle? Camminare a piedi nudi nell’erba? E se iniziassi a divertirti adesso?

  1. Chiedimi per quello che riguarda me.

Quante ne hai combinate al tuo corpo perché qualcuno ti ha detto che avrebbe creato un risultato? Quante diete, infusi, mode passeggere hai provato perché te l’ha detto qualcuno? Chiedi al tuo corpo. Smettila di giudicare e chiedi al tuo corpo. Il tuo corpo ha le risposte se inizi a chiedere.

  1. Chiedi a me cosa ci vorrebbe per farmi apparire come tu mi vuoi.

Se vuoi che il tuo corpo appaia in una certa maniera, innanzitutto riconoscine la grandezza per quello che è e poi chiedi che cosa ci vorrebbe per cambiare alcune cose e creare qualche cambiamento. Il tuo corpo è felice di assecondarti. Ti farà sapere cosa ci vorrebbe. Chiedi e prenditi il tempo per ascoltare.

  1. Sono io quello che mangia.

Il tuo corpo è quello che mangia. Gli chiedi che cosa gli piacerebbe mangiare? Gli chiedi quanto gli piacerebbe mangiare? Quanto del nostro cibarci si basa su quello che ci hanno insegnato crescendo e sui punti di vista che ci hanno propinato rispetto a ciò che è salutare e quello che non lo è? Il tuo corpo sà ciò che richiede e desidera.

  1. Chiedi a me quali movimenti mi piacerebbe fare.

Ai corpi piace muoversi. Quale movimento è divertente per il tuo corpo? Si tratta di Pilates o Yoga o forse correre o fare flessioni? Quando ti muovi come il tuo corpo desidera, diventi più presente col tuo corpo e tu ed il tuo corpo vi muovete insieme.

  1. Non berti l’ultima tendenza.

Al tuo corpo piacerebbe semplicemente venire ascoltato; che gli sia chiesto rispetto a tutto quello che lo riguarda. Il tuo corpo ha consapevolezza. Solo perché tutti quanti dicono che l’ultima e più grande tendenza rivoluzionerà il tuo mondo, questo non significa che lo farà. Che cosa desidera dire il tuo corpo a riguardo?

  1. Chiedi: “Da dove arriva questo?”

Il 98% dei pensieri, sentimenti ed emozioni che provi non sono tue. E qualcosa fra il 50-90% del dolore e sofferenza nel tuo corpo non è tua. Non lo è mai stata. Chiedi: “È roba mia?” oppure “Da dove è arrivato questo?” Se si alleggerisce allora non è tua. Semplicemente restituiscila al mittente.

  1. Io sono un corpo. Tu sei un essere infinito.

Tu sei l’essere, un essere infinito. Il tuo corpo è il tuo corpo. Il tuo corpo è dentro di te. Tu sei troppo grande per entrare nel tuo corpo. Crea comuinione fra l’essere ed il corpo facendo delle domande.

Queste 10 cose sono quelle che il tuo corpo vuole che tu sappia. Semplici chiavi per creare una nuova realtà.